Scaldacollo: origini nei guerrieri cinesi
Lo scaldacollo è un accessorio di abbigliamento, parente stretto della moderna sciarpa.

Per tracciare una storia dello scaldacollo dobbiamo quindi partire dalla storia della sciarpa.

LE ORIGINI DELLA SCIARPA

La sciarpa è un indumento di origini molto antiche: le prime testimonianze di un indumento simile risalgono a 2.500 anni fa nell’antica Roma.

Veniva utilizzata dagli uomini e si trattava di una striscia di stoffa detta “sudarium”, legata in vita o messa al collo in estate, per detergere la pelle dal sudore.

La sciarpa era conosciuta anche in Cina già nel III secolo a.C., come attestano le statue della celebre Armata dei guerrieri di terracotta della dinastia Qin Shi Huang. In questo caso, la striscia di stoffa rappresentava un segno distintivo del rango del guerriero.

Altri soldati che fecero uso di sciarpe nell’antichità furono i legionari romani dislocati in Gallia e nelle terre germaniche, che le utilizzavano per ripararsi dal freddo dei paesi nordici.

Anche il popolo dei Franchi utilizzava, per l’abbigliamento degli uomini, una sorta di bandoliera chiamata “skerpa”, che si metteva intorno al collo. Il termine si è poi evoluto nella parola francese moderna “echarpe”.

DA ACCESSORIO DI GUERRA A ACCESSORIO DI MODA

Da accessorio per i soldati, alcuni secoli dopo la sciarpa è diventata un accessorio di moda e ha subito una forte evoluzione.

LA CRAVATTA

La cravatta come oggetto di moda fu lanciata come oggetto di moda dagli uomini francesi nel 1600 – in particolare sotto l’influsso di Luigi XIV che istituisce il “cravattaio del re” – ma l’ispirazione fu presa di mercenari croati, che durante la guerra dei Trent’anni indossavano sulla divisa un foulard rosso o bianco come pegno di fedeltà alle mogli. Tanto è vero che l’etimologia del termine cravatta deriva dal croato Krvat.

Lo scialle, invece, pur potendosi utilizzare anche come sciarpa, ha una dimensione più ampia, per proteggere le spalle.

LA SCIARPA ANCHE PER LE DONNE

Nei secoli successivi, la sciarpa come riparo per il collo viene adottata anche dalle donne. Napoleone Bonaparte dona alla moglie Giuseppina delle sciarpe di cashmere acquistate nei suoi viaggi in India, contribuendo a diffonderne l’uso.

Ovviamente, il tipo di stoffa utilizzata e la relativa qualità variava tra le varie classi sociali, permettendo di distinguere le persone più benestanti da quelle indigenti.

LA SCIARPA COME LA CONOSCIAMO OGGI

Da fine Ottocento, le sciarpe sono diventate l’accessorio comune di abbigliamento che conosciamo, utilizzato sia dagli uomini sia dalle donne di ogni classe. La diffusione tra gli uomini è stata favorita dal “dandismo”, che ha reso la sciarpa un indispensabile sinonimo di eleganza.

Oggi le sciarpe si utilizzano in differenti condizioni climatiche.

In inverno rappresentano difatti uno strato protettivo da aggiungere per difendersi dal freddo, mentre in estate costituiscono un vezzo dell’abbigliamento.

Le sciarpe possono essere lavorate a maglia o tessute a telaio.

La prima sciarpa della storia fatta a maglia si dice sia nata nel 1783, confezionata dal terzo Duca di Cracovia.

LA STORIA DELLO SCALDACOLLO

La storia dello scaldacollo come lo intendiamo oggi è relativamente recente.

Il termine indica una breve striscia di tessuto (principalmente lana o cotone), solitamente tessuta a maglia o all’uncinetto, che ha lo scopo primario di tenere calda la parte del collo.

Questo capo viene spesso lavorato artigianalmente, prestandosi particolarmente alle attività hobbistiche.

Le sue dimensioni meno impegnative di una sciarpa lo rendono, difatti, ideale anche per le neofite del lavoro a maglia. Per tale motivo, nelle apposite pubblicazioni si trovano numerosissimi pattern o schemi dedicati alla creazione di scaldacollo, soprattutto di lana, a tutti i livelli di difficoltà.

GLI SCALDACOLLO BULLISH

scaldacollo-bullish-pila

Bullish ha reso lo scaldacollo un accessorio fashion, perché di classe (grazie ai migliori filati lavorati a mano in Italia) e multifunzione, utile sia da berretto/cuffia, sia da fascia per la fronte, sia da proteggi bocca e naso (scopri tutti i modi di indossare il Gorro Bullish).

Materiali selezionati con attenzione, dallo scaldacollo 100% lana merinos a quello in cachemire più prezioso, i prodotti Gorro Bullish rappresentano una scelta di stile e carattere.

Solo per i veri amanti dei tessuti di qualità.

Scopri lo scaldacollo Gorro classico in lana merinos!